"L'anno della lepre" di Arto Paasilinna

Pubblicato il da Viola

Uno dei romanzi di maggior successo dell'autore finlandese, "L'anno della lepre" restituisce i paesaggi e le atmosfere scandinave attraverso le tappe serrate di una storia surreale, un viaggio nella geografia della Finlandia che è anche un viaggio nell'immaginazione alla riscoperta delle cose belle della vita.

Perché leggere Arto Paasilinna? Per vedere la Finlanda, prima di tutto, per perdersi tra i mille laghi e rabbrividire nella notte artica ascoltando i rumori ovattati degli animali nella neve. E poi per stupirsi: delle cose buffe a cui non abbiamo mai pensato o non abbiamo mai dato forma concreta, e di quanto sia semplice raccontare una storia, anche se è una storia impossibile, di quanto sia facile crederci e guardarla scorrere proprio come se fosse vera.

"L'anno della lepre", Edizioni Iperborea (€ 11,00), racconta una di queste storie e lo fa con la levità e l'ironia proprie del suo autore, un ex-giornalista innamorato della natura e dei boschi del suo paese. Il romanzo è datato 1975 (l'edizione italiana è del 1994) e rispecchia a tratti il clima politico dell'epoca, con incursioni nella storia della Finlandia e una divertente rappresentazione della burocrazia sovietica, ma contiene anche quel "soffio" universale che contrassegna le opere di qualità.

Vi si narra la storia di Vatanen, giornalista stufo del suo lavoro e della sua vita in città, che in seguito a una serie di circostanze inattese si trova a intraprendere un viaggio tra boschi e laghi, sempre più a nord, addentrandosi nelle regioni più selvagge del paese e dell'anima. Lungo il percorso incontra curiosi personaggi, a due o a quattro zampe, che finiscono per determinare la direzione del suo viaggio e del suo stesso destino.

Considerato il fondatore del genere umoristico-ecologico, questo romanzo è al tempo stesso un metaforico trattato sulla felicità e sulla libertà, lettura consigliata a chi si sente stretto nelle maglie della routine, a chi ama la natura e a chi semplicemente vuole guardare alla vita con un sorriso.

Did I hear a camera click?

Con tag narrativa

Per essere informato degli ultimi articoli, iscriviti:

Commenta il post